Post

Visualizzazione dei post da 2013

Cuori per Super Mario

Immagine
Non sono una persona ritardataria nella vita reale.

In quella virtuale lo sono, e anche un po' tarda di mente, in quanto qualsiasi cosa tecnologica sembra rivoltarmisi contro puntualmente (vedi telefono che si scarica e poi, anche collegato alla batteria, dà solo segni di morte apparente, per risvegliarsi tipo zombie dopo qualche ora).

Quindi non ho fatto il post con gli auguri di Natale, che cafona. Auguri adesso, di buon 27 dicembre, il momento di calma post-stress natalizio in cui tutti tiriamo un po' un sospiro di sollievo, in cui torniamo a mangiare porzioni di cibo da esseri umani e non da uruk-hai, in attesa della mostruosa notte di Capodanno. Nella quale, peraltro, io non so nemmeno che cosa farò ancora. Prevedo una serata da vecchia, tipo film sul divano, con le mie nuove, fantabiliose pantofole pelose e la copertina gattosa (evviva i regali da anziana).


In questa settimana di Natale sono riuscita a litigare per ben tre volte, la mia magica capacità di autosabortarmi …

Predico bene e razzolo male.

Immagine
Predico bene e razzolo male.

Ho sempre rivendicato il diritto all'incoerenza, al diritto di cambiare idea, ché dicono che solo gli stupidi non la cambiano, ma mi sa che io vado un filino oltre.

E' facile parlare.

E' facile parlare e scrivere, dire alle persone di amarsi, cercare di far passare un messaggio positivo, quello che non è facile è farlo, metterlo in pratica.

Dire alle altre donne di accettarsi e vivere, ed avere il desiderio costante di volersi fare a fette.

Vedere la bellezza negli altri e non essere in grado di guardare nello specchio.

A volte penso di odiare così tanto certe persone, che mi sento riempire di veleno, di rabbia, di frustrazione, per non poter fare niente, nemmeno un vaffanculo, nemmeno un ti cancello da facebook... per quieto vivere, per non creare casini, ché va tutto così bene, perché devi essere sempre la solita stronza, guastafeste?

E tutto quel male da qualche parte deve andare, non può stare lì fermo, e allora odio l'unica cosa che po…

Maledetta deco & American Horror Story

Immagine
Capelli verdi, siete stati stupendi.

Davvero.

V'ho voluto, vi ho cercato, ho cercato il modo di crearvi con le mie manine sante invece di passare dalla parrucchiera, ché si sa, son poraccia dentro e fuori.

Sono rimasta estasiata dal contrasto tra nero e verde, una figata. Ho pure tinto di verde come un pratino la rasata laterale, della quale pochi conoscono l'esistenza.

Ma è arrivata l'ora di mobbasta.

In poche parole: la decolorazione e l'eccessivo stress che ho causato ai miei capelli negli ultimi mesi me li ha praticamente disintegrati. O come ha detto mia madre, me li ha fatti diventare più simili al feltro che a una chioma.

Non c'è stato balsamo, impacco o maschera che abbia potuto far qualcosa.

Ho dovuto tagliare.

Ben 15 cm, o anche di più.

No, non metterò la foto perché mi faccio schifissimo. Odio i capelli a mezza misura, mi piacciono o cortissimi (e non avrò mai il coraggio di farli) o lunghissimi. Sta mezza lunghezza poco sotto le spalle, pareggiata, mi f…

Quiete.

E' un po' che non scrivo.

Scrivere di mio, intendo. Non pubblicare solo foto che mi hanno fatto o ho fatto (a roba che ho cucinato, e preferisco non entrare in merito a quanto io stia mangiando ultimamente).

Che succede? Non ho più niente da dire?

No, eccome, ne avrei. Solo che mi riesce più facile scrivere quando qualcosa non va, quando sono incazzata, mentre ora, nonostante manchi quella cosa lì, fondamentale per vivere (vedi: lavoro), mi sento bene. Non va tutto bene, ma c'è quel qualcosa, con cui va tutto bene e che in qualche modo fa pesare meno il resto.

E' bello, bello davvero, anche strano se vogliamo.
A volte mi rendo conto che la mia testa inizia a girare come una trottola impazzita per trovare la falla nel sistema, trovare l'inghippo, la fregatura,  quel qualcosa che sicuramente rovinerà tutto, perché non è possibile che stia così bene, non sono abituata, io, sono abituata che c'è sempre qualcosa in cui arrovellarsi e combattere. E mi viene l'ans…

Tu dici buttercream ed io capisco amore.

Immagine
Stamattina mi son svegliata così, con la voglia di far dolci. E no, la pizza di ieri sera non era bastata evidentemente a dare il colpo di grazia alle coronarie ed alla mia cellulite (credetemi che è meglio che non vi dica cosa c'era sopra, ché quasi me ne vergogno).
However.
Inizialmente volevo fare i cinnamon rolls (e prima o poi porcaccia zozza li devo fare, mi serve solo la pazienza), ma il tempo di lievitazione era troppo ed avevo altre cose da fare. Ho optato per dei più semplici cupcakes. 
Premetto che è la prima volta che provo a farli… Non ho mai capito del tutto se possano essere considerati dei muffin con una crema/glassa sopra o se hanno bisogno per forza di una categoria a parte.  No perché, di base secondo me sono quello.
COMUNQUE.
Tendo a perdermi via facilmente.
Ho optato per una ricetta con base alla vaniglia e limone e crema di burro semplice alla vaniglia sopra. Vi dirò, da quando ho dovuto quasi eliminare del tutto il cioccolato per via dell'intolleranza, …

19 anni.

19 anni sono tanti.

Sono tanti perché ti fanno rendere conto della tua età. Che è passato tanto, tanto tempo da quel giorno.

Ti fanno capire che "Il tempo cura le ferite" è un detto del cazzo.



Sono passata a trovarti, oggi.

Veloce, ché lo sai che il posto dove sei ora mi mette a disagio. Tanto. C'è troppa gente. Gente che ha vissuto la propria vita e se n'è andata al momento giusto e gente come te, che no, la vita non è riuscita a viverla nemmeno fino a metà.

A me piace pensare che tu non sia solo lì, ma che volteggi, voli, vedi il mondo. Guardi da lontano le persone a cui hai voluto bene.

Mi piace pensare che un cimitero sia solo un luogo fisico, che tu non sia realmente lì.

O forse, me lo ripeto per non sentirmi in colpa del fatto che non ci venga spesso.


Oggi c'era una persona con me, l'hai visto? Ha la tua età, l'età che tu avrai per sempre. Ti sarebbe piaciuto. Vi piace la stessa musica.


Vienimi a trovare, qualche volta, nei sogni. Mi dispiace non ri…

"Torna a scuola piccola Starling... Volavolavola..."

Immagine
Ecco, la citazione dal Silenzio degli Innocenti nel titolo pare messa a caso (no, non mi sono invaghita di un serial killer), ma seguendo il consiglio del buon Hannibal a Clarice, me ne torno a scuola.



Eh si.

No, non università. Ché ho pochi soldi e tanta ignoranza.

Un corso. Principalmente perché, mentre sto cercando lavoro, sono a casa a mangiare popcorn e giocare a World of Warcraft. Visto che non voglio riprendere i chili persi ho pensato bene che, tanto come stare a casa, tanto valeva fare qualcosa.

Oggi presentazione del corso. La prof la conosco già, la prima cosa che fa è urlare davanti ai possibili compagni "Ma come sei dimagrita!". Gli sguardi delle altre parlano da soli e dicono "Se così è dimagrita, che razza di botolo doveva essere, prima?".
Volevo già seppellirmi. Ho dei seri problemi quando si tratta di dover fare conoscenze per forza. Temo già il momento in cui, il primo giorno, ogni prof farà il canonico giro di nomi per sapere, essenzialmente, i f…

Soundtracks of the moment - Halo - Beyoncé

Immagine
Remember those walls I built Well, baby they're tumbling down And they didn't even put up a fight They didn't even make a sound
I found a way to let you in But I never really had a doubt Standing in the light of your halo I've got my angel now
It's like I've been awakened Every rule I had you breakin' It's the risk that I'm takin' I ain't never gonna shut you out


Everywhere I'm looking now I'm surrounded by your embrace Baby I can see your halo You know you're my saving grace You're everything I need and more It's written all over your face Baby I can feel your halo Pray it won't fade away I can feel your halo halo halo
Hit me like a ray of sun Burning through my darkest night You're the only one that I want Think I'm addicted to your light
I swore I'd never fall again But this don't even feel like falling Gravity can't forget To pull me back to the ground again
Feels like I've been awakened Every rule I had you breakin'…

Un po' di cibo e cose a caso.

Immagine
Tipo che sono le due di notte ed io son qua a scrivere. E non è che non abbia sonno. E' che non ho voglia di andare a dormire. Peggio dei bambini.
Comunque dopo i post gemelli sull'incontro tra me e Mareva, ho ricevuto tanto di quell'ammmore che mannaggia a voi.
Lei oggi è partita per L.A. ed oltre all'invidia mi manca già.  Sfondati di bacon come se non ci fosse un domani sistah.

Vabbè, non sapevo cosa infilare in questo post, per cui, perché non una foto orrenda fatta col cellulare (dimentichiamo per un attimo che io sia una fotografa, per favore) delle treccina di sfoglia che ho fatto venerdì?
Non esaltatevi, non sarà una ricetta vera e propria perché in realtà sono una cavolata da fare. Ovviamente la pasta sfoglia è comprata in rotolo. E non guardatemi così, l'ha detto anche Gordon Ramsey che non vale la pena di sbattersi a farla e va benissimo quella pronta. Se lo dice lui, tutto si può.
Semplicemente la tagli in rettangoli, poi tagli i lati a striscioline e …

... come se non fosse passato un giorno.

Immagine
Oggi ho rivisto Mareva.

Dopo qualcosa come 4 anni e mezzo. L'ultima volta lei aveva la mia età di ora, e io ero una pischella con 12 chili in più.


La cosa meravigliosa è stata avere la sensazione che non fosse passato un giorno. Come se ci fossimo viste l'altro ieri, per dire.

Nonostante screzi, un lungo periodo di distanza emotiva, un riavvicinamento lento, posso veramente dire che ci siamo ritrovate come prima.

Due minchione che parlano di cibo, sesso, libri e criticano con astio tutte le donne alte e magre che passano.


Ecco, fossi lesbica sarebbe la donna della mia vita, ma diamine temo proprio di essere etero. Ci accontenteremo.




Essere donne è anche volersi male: IL CAMBIO DELL'ARMADIO.

Sarà che World of Warcraft sta assorbendo il mio tempo senza che io me ne accorga.

Sarà che il tempo sta cambiando, qui da me la sera ci son 10° cacati, e va da sé che non posso più vestirmi come un mese fa.

Sta di fatto che, oggi mi sono decisa a impiegare il mio tempo staccata da WoW, in piedi su una seggiola, a svuotare completamente cassettiera e armadio, un po' per fare il cambio di stagione, un po' per fare smistamento di cose da tenere, cose da buttare, e cose da dare in beneficenza. Ché parliamoci chiaro, noi teniamo tanti di quei vestiti che magari son lì da anni e MAI MESSI o messi una volta. Inutile lasciarli lì.

Magari c'è qualcuno a cui potrebbero servire.

Si, mi rendo conto che voglio tanto fare la buona samaritana de sto cazzo ma in realtà è tutta una scusa per poi dire "Ho bisogno di comprare vestiti nuovi". Che poi io son poraccia e i vestiti me li compro dai cinesi e non da Zara è un altro discorso.

Diamine, non potrei MAI  fare la fashion blogg…

E daje 'sta botta de colore... Ovvero: parliamo di capelli. Verdi.

Immagine
Avevo detto che ero soddisfatta del mogano?

Sì, vero, l'avevo detto.

Facciamo finta che non l'abbia detto, vogliamo?  Rivendico il diritto all'incoerenza.

Ieri, sono arrivate le tinte Directions che avevo ordinato la settimana scorsa da ebay. Ho preso un blu che servirà a lui, un rosa rosso che prima o poi voglio provare e quello che corteggiavo già da mesi ormai, l'Alpine Green. Era da tempo che avevo in testa l'idea di fare i capelli come li ho ora... un po' non ero convinta, un po' non credevo di essere in grado di farli da sola (ricordiamo che il mio status al momento è quello di PORACCIA SUPREMA).

Mi sono guardata una marea di video e letta un sacco di roba su come decolorare correttamente i capelli, e in particolare mi è stato d'aiuto questo che vi lascio (e in caso la ragazza del video capiti qui la ringrazio molto per averlo fatto, è spiegato davvero bene).





Tutto il processo è durato la bellezza di 3 ore e mezza quasi, alla fine ero strasoddisfa…

Risorta come Lazzaro - Prime impressioni Bellydancediscount.com - Novità

Immagine
E rieccomi, risorta dopo un virus intestinale durato ben 7 giorni (fottiti, Samara). La prima cosa che ho mangiato, ripresa del tutto, è stata un panzerotto. Ok, forse avrei dovuto evitare, ma santiddio fatevi voi giorni di digiuno per poi passare casualmente in panetteria e vedere un panzerotto. I chili persi torneranno comunque, essendo solo liquidi perduti.



Io adoro i panzerotti fortissimamente, tra l'altro.


COMUNQUE!

Ricorderete qualche post fa  la mia indecisione riguardo gli acquisti da effettuare su bellydancediscount.com. Ebbene, settimana scorsa, complice l'avvilimento da virus, mi sono finalmente decisa, e ieri è arrivato il pacco con il tutto. No, purtroppo non ho foto un po' per pigrizia, un po' per un motivo che vi spiegherò più avanti.

Mi andava di buttar giù due righe in caso qualche collega danzatrice cercasse online info su questo sito, io ne ho cercate ma non avevo trovato molto.
E' un sito dove si possono trovare vestiti ed accessori per la danza…

Beauty... quello che non ti dicono.

Immagine
Io come al solito devo fare la mia parte da cinica realista. Come molte donzelle nel web, tra tutorial su Youtube, reviù, consigli, siti come alfemminile, giornali come DonnaModerna, ne ho lette un po' di tutti i colori. E ne ho anche provate. E vaffa, è ora di dire le cose come stanno.



Quello che ti dicono: Puoi combattere i peli incarniti con facendo lo scrub.
Quello che non ti dicono: I peli incarniti spesso sono molto sotto pelle ed a meno che tu non ti passi delle schegge di vetro sulla pelle dubito fortemente funzioni.


Quello che ti dicono: Puoi eliminare le smagliature con l'olio di mandorle dolci.
Quello che non ti dicono: Le smagliature sono molto simili a delle cicatrici, una volta che ci sono non le levi se non con laser chirurgico. Puoi anche fartici il bagno nell'olio, non andrà via niente, al massimo la pelle sarà più morbida.


Quello che ti dicono: Se hai gli occhi piccoli usa la matita bianca per ingrandirli.
Quello che non ti dicono: Posso dirlo??? Posso dirlo???

Soundtrack of the moment

Immagine
Listen and enjoy.









C'è amore nell'aria ed ho poche parole. Anche quando mi dicono cose belle e non so come rispondere. 

Vorrei essere trasparente per farti capire quanto sono felice, e quanto sono terrorizzata dall'essere felice.




xo.

Foodporn #1: Crostatine crema e frutti di bosco.

Immagine
Ebbene.
Sì.
Tutto ciò che vedete è stato fatto con le mie mani.
Sono ufficialmente una donna "non inutile".
E vi lascio anche la ricetta, orgogliosa come un pavone.



Per la frolla:
250gr farina 00
2 tuorli
125gr burro
100gr zucchero a velo

Unire zucchero e farina e formate una fontana. All'interno mettere il burro a pezzetti e i due tuorli. Lavorare velocemente con le punte delle dita fino ad unire tutti gli ingredienti. Portate pazienza che è una rottura di coglioni, sembra che resti solo polvere. Non state troppo a paciugarlo, ché il burro non deve scaldarsi. Formare una palla, avvolgerla nella pellicola e tenere in frigo per 2/3 ore.

Per la crema pasticciera:
500ml latte
1 baccello di vaniglia
scorza di limone q.b.
6 tuorli
50gr maizena
150gr zucchero

Tenere da parte mezzo bicchiere di latte. Aprite il baccello di vaniglia, aiutate i semini ad uscire e mettere il tutto (semi e baccello) nel latte. Unire anche la scorza di limone. Portare a leggero bollore e togliere dal…

Winter is Coming, ovvero: Tiriamo le somme prima di Ferragosto

Immagine
Siamo quasi a ferragosto.

L'estate sta terminando e sì, con estrema banalità, Winter is Coming (perdonatemi, non potevo esimermi da questa citazione).



La febbra, dopo la botta di antibiotici è passata del tutto e con essa anche le maledette placche. Per non smentirmi mai, la mia sfiga ha ben deciso di segnare il mio ultimo giorno di antibiotici con uno sconvolgimento di stomaco del quale vi risparmio il racconto.

Io come sto?
E' strano quanto ultimamente mi venga posta spesso questa domanda, e di come io non sappia rispondere. Perché ci sono molte, troppe cose che farebbero dire no, non sto bene, sono disoccupata, ho dolori alla schiena senza un motivo che non vogliono passare, ho risonanze magnetiche e visite mediche da pagarmi e tante cose che voglio e che non posso permettermi, ho 25 anni e non so fare il punto della mia vita. 

Eppure... eppure sorrido. Sorrido perché ho anche cose belle e persone belle per cui sorridere e per la prima volta nella mia vita, forse riesco a d…

Sproloquio Femminile #4: Coppette Mestruali, wut?

Immagine
La rubrica della donna che parla a vanvera, e sto giro si parla di sanguinare per giorni e giorni senza morire. Per cui, ometti, sciò, via, ciao. Niente foto di Megan Fox ignuda. E tra parentesi, mi chiedo, ma voi che trovate il mio blog con queste chiavi di ricerca, poi trovate quel che cercate? Siete dilusi? 


Chiusa parentesi sulle assurdità delle statistiche, era un po' che mi ronzava in testa l'idea di fare un post sulle famigerate coppette mestruali. Oggi, ispirata da un post su facebook e dalla curiosità di Nadia, via, bon, ho deciso, facciamo un post che sia un minimo utile. 
Non ho intenzione di scrivere un post di "istruzioni" su come si usa, perché per quello ci sono un sacco di video e articoli online (Google è vostro amico!). Più che altro vorrei parlarvi della mia esperienza. 
Nel web se ne leggono tante, ma mi rendo conto che un'opinione in più fa sempre comodo. In più io non son stata sponsorizzata in alcun modo, ci ho cacciato i soldi, come si suo…

La banalità della solitudine.

Immagine
Sentirsi soli in mezzo alla folla. Sentirsi soli in mezzo agli amici.

Non è misantropia. Non stavolta.

Non li odio, è solo che, semplicemente s'è alzato un muro. Non sento più. Ho i sentimenti annebbiati. Faccio finta che vada tutto bene, dico le solite cavolate, rido, scherzo, bevo. Ma è come se tutto fosse un copione. Mi sento lontana. Mi sono ritrovata spesso a guardarmi intorno, luoghi, persone, situazioni, e dirmi "Questo non è il mio posto, venitemi a prendere...". Chissà a chi lo dico, poi. Non lo so nemmeno io.

Non odio. Non voglio male. Anzi. Una parte di me vorrebbe disperatamente amare e voler bene e tutte quelle cose lì. Vorrebbe abbracciare la vita, le cose, le persone. Ma è come se ci fosse una grata sul mio petto, che permette al mio cuore solo di sbirciare fuori, al più allungare un dito e saggiare l'aria.

C'è quell'angolo di me che non controllo che non permette... non me lo permette. Io non ho nemmeno il coraggio di guardarla, quella parte, …

Il Nulla.

Immagine
Oggi è uno di quei giorni in cui vorrei morire MA


Vi svelo un segreto.

Finché distrarrete le persone con cazzate postate su facebook et similia, nessuno se ne accorgerà.

Don't ruin my depression downs, please.

Buon domenica.

xoxo

Ho 25 anni e molteplici nodi alle dita.

Immagine
A 25 anni non sono arrivata a nulla nella mia vita ma ho con successo messo dei paletti, fatto dei nodi al dito, chiamateli come volete. 


Non dico "Ho imparato delle cose" perché è fin troppo pretenzioso.
Se sei ubriaco, spegni il cellulare.Se non ti richiama, non gli piaci abbastanza. Punto. Basta girarci intorno. Gli uomini sono semplici, mica come noi. Se gli piaci, si fa sentire. Sennò c'ha altro da fare e a cui pensare.Se come me ami i musical, tienitelo per te. Non piacciono a nessuno. I tacchi fanno male ai piedi e chiunque dica il contrario mente.Dopo la tempesta, esce sempre il sole. Ma poi arriva un'altra tempesta. E poi di nuovo il sole. E poi, un'altra tempesta. Vivere sta nella velocità in cui impari a ripararti.L'arte è bellissima ma non serve a niente. A meno che tu non abbia un critico davanti e un gallerista dietro.Avril Lavigne ha quasi 30 anni e s'è sposata il cantante dei Nickelback. Questo non c'entra a nulla ma mi fa sentire tipo …

Voglio un sonno nero e profondo.

Non ne posso più dei sogni.

Vorrei esistesse un modo di spegnere il mio cervello, almeno la notte.

Mi infilo nel letto, e il mondo inizia a girare. Prima di cadere nel sonno, il dormiveglia per me sta diventando, se possibile, il momento che mi fa più paura. Il momento in cui inizi già a sognare, non dormendo, rielaborando pensieri, parole che hai sentito. Immagini. Immagini e voci che a volte urlano così tanto nelle mie orecchie che mi svegliano di soprassalto.

Tachicardia.

Metterci un attimo a realizzare che erano solo sogni. Che sono nel mio letto. Nella mia stanza buia, al sicuro. Solo la luce verde della sveglia, e l'odore dei drum fumati davanti al pc. La finestra socchiusa, il treno che passa dietro casa mia. Il vento. A volte, la pioggia.

Svegliarsi col la mandibola dolorante a forza di digrignare i denti. Gli occhi bagnati, senza sapere il perché. Poi ti torna in mente. Quello che stavi vedendo, prima, con gli occhi chiusi, in un altro tempo, un altro luogo.

Tu presente. …

Sproloquio estivo e molto inutile.

Immagine
Estate.

La gente non ha le mezze misure per 'sta stagione.

C'è che la odia, per il caldo, per il sudore, perché odia il mare, chi invece la ama, per il caldo, il sudore, e il mare.

Io dovrei amarla, in teoria, ché l'8 luglio cade il mio compleanno, data soprannominata ad hoc loglio, a causa della dislessia in una serata alcolica in tempi non troppo dubbi.


La fanciulle si svestono, vedi gambe e culi ovunque causa ritorno degli shorts, e tu che hai la cellulite e il culo a forma di parmigiano devi soffrire nei jeans. Ora fatevi du' conti se a me l'estate piace, o no. Che improvvisamente è estate e la gente che speravi fosse un cesso almeno da svestita ti da il colpo di grazia.


Il mare, mi piace. Non so nuotare, però. Nuoto, fin dove tocco, nel senso che riesco a sollevarmi e muovermi, ma se poi abbasso il piedino santo e non sento la terra vaffanculoattaccodipanicosupremomoriròadessoenonhoterminatoiltestamento. Aggiungici pure che sono disoccupata per cui non ho sold…