Sproloquio Cinematografico: Crimson Peak

!SPOILER ALERT!
Continuare a vostro rischio.
In questo post si vedono anche delle chiappe maschili.

Vi narro di quella sera in cui volevo vedere un film horror di fantasmi e invece ho visto Crimson Peak.

Crimson Peak è un film del 2015 diretto e co-scritto da Guillermo Del Toro, il cui trailer al tempo mi aveva fatto sperare in una storia di fantasmi, un po' sulla linea di The Woman in Black (quello con Harry Potter che non fa Harry Potter, insomma). Altra spintarella che mi ha convinta a vederlo è stata la presenza di Tom Hiddleston.

Esclusivamente per le sue doti recitative.


Ambientato verso la fine dell'800, vede le vicende della giovane Edith Cushion (Mia Wasikowska, l'Alice di Tim Burton) che da bambina vede morire la madre di colera. Cioè, 'nsomma, non è che la vede morire, la vede dopo. Versione fantasma. Che siccome le vuolebbene le appare una notte, sotto una forma nera-scheletrosa con poche enigmatiche parole "Quando verrà il tempo, guardati da Crimson Peak". Questa vicenda la fa discretamente cacare sotto; crescendo la renderà sempre più interessata alle storie di fantasmi, di cui cerca di diventare un'autrice, e le darà un pessimo gusto in fatto di occhiali (non che al tempo ci fosse grande scelta, immagino).

La fanciulla vive col padre che, fermi tutti, ma chi è???

E' lui o non è lui?!

BOBBYYYYYY.

Direttamente da Supernatural, dove è morto ma ogni tanto lo vediamo ancora, Jim Beaver aka Bobby Singer interpreta il suo barbuto babbo che, a detta della figlia, ci tiene a sembrare più giovane. Qualcuno glielo spieghi che la barba stile Santa's coming to town non aiuta.

Un bel giorno nella vita di Edith entra Thomas Sharpe (Tom BootyBootyBooty Hiddleston), un baronetto inglese alla ricerca di investitori per la sua invenzione, un'estrattore di argilla rossa, della quale pare il terreno su cui sorge la sua casa è molto ricco.

Bobby (non ricordo il nome del personaggio e per me lui è Bobby, bon, deciso) sente puzza di marcio da lontano e cerca di allontanare il nostro fascinoso inglese, che nel frattempo sta già facendo l'occhietto porcino alla bionda figliola. "Piccina, non ricordi che il nostro amico Alan c'ha la fissa per te? Ed è pure medico" - "Sì ma lui non ha il sorriso di Loki, e comunque è un oculista".



Durante un ballo, Thomas sfancula allegramente una tipa che sbavava come una lumaca per ballare il valzer con lui, per offrire il ballo a Edith. Il tutto sotto lo sguardo attento di sua sorella Lucille, che suona il piano per loro ma nello sguardo si legge chiaramente un "Bottana".

Bobby nel frattempo grazie a degli investigatori privati scopre qualcosa di losco riguardo i fratelli Sharpe, cerca di allontanarli e casualmente muore con la testa fracassata sul lavandino nella sauna del suo club per ricchi e barbuti.

Fast forward, altrimenti non ce la caviamo più: Thomas consola la neo-orfana e la sposa, con grande disappunto dell'oculista Alan (che sente puzza di losco pure lui) e la porta a casa sua in Inghilterra.

Casa sua che è un oscuro maniero con un buco sul tetto, fatiscente, con un ascensore che va e viene da solo, argilla rossa che tinge la neve di cremisi dando la simpatica impressione di camminare sul sangue. Carino.

Oh, finalmente un ambiente da film di fantasmi, mi dico. Le mie aspettative non vengono tradite e Edith inizia a vedere strane figure muoversi la notte, che la portano a scoprire diverse cose riguardo la casa e la storia dei suoi abitanti… Tra cui la sorella Lucille che sembra avere come rimedio universale a qualsiasi problema il the. E che ha la pessima abitudine di saltare fuori non appena tra i due parte la fregola.

Fino a qui devo dire che la storia mi ha intrigata parecchio: c'è l'elemento sovrannaturale e una trama di mistero da scoprire che pare molto ma molto interessante.

Un bel giorno Edith accompagna Thomas in posta, dove restano bloccati per via di una tempesta di neve. Siccome sono altri tempi i postini sono così gentili da dir loro "Abbiamo una stanza di sopra, fermatevi a dormire" e finalmente riescono a consumare il loro matrimonio. Il che ci ha regalato questa scena:

Tra i miei appunti post visione il primo è stato: "Cercare gif culo Tom Hiddleston". Potete ringraziarmi nei commenti, prego.

Quella che non la prende bene è la sorella di lui, a cui parte 'na crisi isterica con tanto di lancio della pentola appena rientrano a casa. A Edith iniziano a venire dei leggerissimi sospetti.

Siccome vivere in mezzo al nulla con un marito che ti caga poco perché intento a estrarre argilla è abbastanza noioso, Edith  si mette a esplorare la casa, anche spinta dalle presenze che continuano a visitarla la notte.

Nel frattempo, Lucille: "Sei solo stanca, bevi del the" - "Sei sonnambula, bevi del the" - "Stai poco bene, bevi del the" - "Hai un prurito intimo, bevi del the" e via dicendo.

Tra un the e l'altro Edith riesce a rubare le chiavi da Lucille e finalmente esplora la casa ed in particolare la parte inferiore, scoprendo tramite dei cilindri registrati ciò che costò la vita a suo padre. Thomas è già stato sposato. Con più di una donna. Tutte misteriosamente scomparse. La cui ultima è una tale italiana Enola Sciotti, che nella sua ultima registrazione mette in guardia chiunque stia ascoltando: sono dei pazzi pericolosi, vogliono solo rubare i suoi soldi e soprattutto, il the è avvelenato. Edith mentalmente tira un cristone, ma in che cavolo mi sono ficcata, mainagioia, almeno gli ho palpato le chiappe.

In America nel frattempo, il friendzonato dottor Alan continua le investigazioni del defunto Bobby e scopre che oltre ad essere stato sposato, la mammina cara degli Sharpe è morta in circostanze misteriose e violente. Fa due più due e decide di raggiungere Edith.

Trovo che il film più o meno da questo punto in poi perda mordente, o più precisamente perda il fulcro che ci ha portato ad essere interessati a vederlo. Diventa chiaro che la storia di fantasmi e il sovrannaturale sono solo un contorno, un pretesto per un'altra trama. Il che andrebbe anche bene, ma a mio parere se col trailer mi vendi una storia di fantasmi, i fantasmi ci sono per pochissime scene e non sono nemmeno centrali nella storia, ecco, un filino io resto delusa.

Edith smette di bere il the, tra una scatarrata di sangue e l'altra, e una notte chiede al fantasma di Enola che la tormenta (sì, a sto punto ci siamo arrivati tutti che i fantasmi sono le mogli di Barbablù e di mammina cara) di mostrarle ciò che deve vedere. E cosa vede?

Lannister, siete voi???
Scopre i due fratelli di atteggiamenti abbastanza noti a Westeros come LannisterGate, che finiscono proprio come sono finiti a Westeros: chi vede viene lanciato da un balcone.

In breve: Lucille si rivela essere una pazza che soggioga il "povero" Thomas, insomma la vera villain che l'ha convinto a sposare e poi uccidere lentamente diverse donne per i loro soldi, non fosse che stavolta è innamorato sul serio e vorrebbe vedere una patata con cui non sia imparentato. Spinge Edith giù dalla balaustra delle scale, facendole fare un volo che realisticamente spezzerebbe una schiena in due, e proprio mentre cade a terra il dottor Alan arriva alla porta.

"Qual buon vento e fortuito arrivo dottore, la nostra cara Edith vaneggiava e si è lanciata dalle scale!" cinguetta la stronz Lucille mentre il dottore sistema la ragazza che, stranamente, è tutta intera.

Qui ci avviciniamo al finale, che mi fa scendere parecchio il film, io ve lo dico, e vado in fast forward.

Thomas non vuole che Edith muoia, perciò pugnala Alan solo superficialmente, dicendogli di nascondersi al piano di sotto dove c'è un'uscita segreta, e che gli manderà Edith. Edith nel frattempo è costretta da Lucille a firmare i documenti per trasferire agli Sharpe tutto il suo patrimonio ma ha il lampo di genio di pugnalare la tizia con una penna stilografica, riuscendo a fuggire.

Thomas raggiunge la ferita Lucille, brucia i documenti firmati da Edith e cerca di convincerla dicendo "Ehy, potremmo andarcene e vivere felici TUTTI INSIEME". Al "tutti insieme" a Lucy viene l'occhietto col tic balengo da esaurita e lo accoppa.

Da cui in poi, parte una cat fight ridicola tra Lucy che raggiunge i due al piano di sotto e poi fuori nella neve rosso cremisi (da lì Crimson Peak), e Edith che nonostante abbia fatto 10 metri di volo con tanto di schiena spezzata sul corrimano si muove benissimo.

Ma va bene, io mi aspettavo un film di fantasmi e quindi faccio finta di non vederla, 'sta incongruenza grossa come 'na casa.

Come fa la nostra eroina a sconfiggere la villain?

Col trucco più vecchio del mondo.

"Guarda là, una scimmia a tre teste!"

Lucille si gira, vede il fantasma del fratello Thomas morto e Edith le spacca la testa a badilate.

… Guillermo ma sei serio?

Alan e Edith escono dal cancello, titoli di coda.

Che dire? Sicuramente non è da buttare, è un film carino e la regia di Guillermo del Toro è notevole al suo solito. Personalmente mi aspettavo un film, come ho già detto, con un sapore più antico e gotico alla The Woman in Black, mentre qui c'è sicuramente un tocco moderno. In primis i colori, soprattutto nelle scene notturne nel maniero, dove è chiarissimo il gioco tra i colori caldi, come la luce delle candele e il rosso dell'argilla e i toni freddi dei riflessi verdi nelle ombre, tra loro complementari. Il richiamo ai vecchi film c'è, soprattutto con la scelta dei cambi di scena con l'effetto di chiusura/apertura del diaframma. 
Non ho amato la scelta dei fantasmi, troppo "plasticosi" e grotteschi, qui sotto un esempio:

Source:blastr.com
Ovviamente tutto ciò è solo una mia opinione. Non ho letto ne visto altre recensioni di bloggers o vloggers nel web, quindi magari al solito, la mia opinione è impopolare, ma va bene così, si dice che i gusti sono gusti, no? E io di certo non sono qui a dire di aver alcuna preparazione cinematografica, per carità. 

Sono solo un'imbecille che si diverte a raccontarvi i film in modo buffo.

Per servirvi,

xo,
S.

Commenti

  1. Non ho visto il film ma ricordo bene il trailer, e anche io avrei detto che fosse un film sui fantasmi, o comunque incentrato su di essi. È però vero che Guillermo non ci ha abituato alla prevedibilità, quindi potrei vederlo senza troppi problemi! Ti farò sapere! :-*

    RispondiElimina
  2. Un film visivamente notevole ( i costumi sono da oscar ) ma che non ha avuto il coraggio di spingere di piu' sul lato horror della storia,finendo x rimanere un discreto thriller come trama, comunque in generale sono d'accordo con te

    RispondiElimina

Posta un commento