Bookworm in Lipstick | Re Nero (Massimo Mayde)

Rossetto: Too Faced - Drop Dead Red

Il libro di cui voglio parlarvi oggi, Re Nero, è per me molto speciale. Non solo perché ancora una volta si toccano due dei miei argomenti preferiti, gotico e vampiri, ma anche perché ho il piacere e la fortuna di poter chiamare amico Massimo Mayde, che conosco ormai da una decina d'anni (ma noi facciamo finta siano di meno, ci piace sentirci giovani). 



Se come me avete letto e apprezzato la letteratura del terrore come quella di Poe, Stoker, Lovecraft e a volte pensate ancora con nostalgia al sapore antico del gotico vi sentirete piacevolmente  a casa. 


Lo stile di Massimo Mayde ci riporta immediatamente all'Ottocento, immaginando e tessendo una storia in cui il mito di Dracula nasce dieci anni prima del celebre romanzo di Bram Stoker. Un Dracula ben lontano quindi dalle versioni edulcorate a cui la letteratura moderna ci ha abituato; niente pelle luccicante al sole e visetti adolescenziali, ma mostri non morti, dall'aspetto tutt'altro che attraente. 
Qui Dracula è ferale, terrificante e sensuale come il rosso del sangue. E' puro istinto che al tempo stesso combatte con una scintilla di sentimento.



La Trama
Nella Cracovia del 1887, uno straniero viene trovato morente in una strada buia. Viso e corpo sono orribilmente sfigurati, probabilmente da una malattia sconosciuta. Mentre il dottor Laska viene chiamato a indagare su di lui, accade qualcosa di impensabile, sovrannaturale. La "Lanterna dei Morti", presente in un monastero sulle rive della Vistola, si riaccende da sola dopo più di 400 anni, annunciando qualcosa di terribile: l'arrivo della Peste Nera. Il dottor Laska e il suo nuovo singolare amico, il dottor Lukas Van Der Meer iniziano a indagare. Come è possibile che la Peste Nera sia tornata? Cosa è davvero accaduto a quell'uomo? E perché Alina, la splendida moglie del dottor Laska, sembra iniziare a distaccarsi dal mondo reale?

In questa storia si intrecciano le vicende di personaggi originali e altri "prestati" da celebri romanzi (primo tra tutti Abraham Van Helsing ma anche il dottor Edward Challenger nato dall'estro di sir Arthur Conan Doyle), e vengono citati artisti fittizi ma anche realmente esistiti. Così come realmente esiste la fonte "Dissertazioni sopra le apparizioni degli Spiriti, dei Vampiri o redivivi di Polonia, Ungheria e Moldavia" di Agostino Calmet, spesso citata dagli stessi personaggi del libro durante le loro indagini. La fantasia incontra quelli che nei secoli passati sono stati una preoccupazione e un terrore reali, studiati ed approfonditi con testi ancor oggi reperibili, da cui Mayde ha sapientemente attinto per dipingere un'ambientazione curata nei minimi dettagli. Un tuffo in un'altra era.

429 pagine che volano veloci, io ve lo consiglio di cuore.
Edizioni Abeditore per la collana "Il Circolo del Gotico", potere acquistare Re Nero qui e qui.

xo,
S.
Disclaimer: Il libro mi è stato regalato in amicizia dall'autore stesso senza nessuna richiesta di farne una recensione. Le opinioni espresse sono esclusivamente mie. Il resto dei prodotti visibili in questo post sono stati acquistati personalmente da me, non ho alcun contatto con le aziende produttrici; non è un product placement.

Commenti

  1. A parte l'edizione molto bella, mi sembra giusto tornare ai veri vampiri che appunto non brillano e non si phonano i capelli XD Molto bello anche il rossetto!!

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia, dev'essere, conoscere l'autore di un libro che amiamo!!

    RispondiElimina
  3. Odio i vampiri ma amo il gotico, ma odio i vampiri moderni. Mamma mia, che bell(issim)a confezione.
    Anche l'idea di base è carina, insomma un bel classicone ricostruito^^

    Moz-

    RispondiElimina
  4. Il mostro nella dedica mi ricorda certi mostri di una serie di libri a me molto cara :). Come il Moz non sono fan dei vampiri, tranne la serie di Netflix di Castlevania :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maronn' che bella quella serie, io non vedo l'ora che continui!!!

      Elimina
  5. Il libro.... non lo conoscevo e mi hai incuriosito...
    Cavolo che bella la prima foto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille :) nel mio piccolo cerco di mettere impegno nelle foto, mi fa piacere piacciano!

      Elimina
    2. Son gia due volte che mi 'costringi' a legger il post per colpa della prima foto :p

      Elimina
  6. Il gotico mi piace molto, pertanto inserisco nella mia lista dei desideri questo libro.
    Complimenti a te per il post e a Massimo Mayde per il lavoro!

    RispondiElimina
  7. Si, le basi per questa lettura ci sono tutte!

    RispondiElimina

Posta un commento