Bookworm in Lipstick | S. La Nave di Teseo (Doug Dorst/J.J. Abrams)

Rossetto:  Liquid Suede di NYX Cosmetics in 'Brooklyn Thorn'

 Ho cominciato questa serie di post con Casa di Foglie, libro dal formato inusuale che mi ha appassionata moltissimo. Sempre sul genere "libri strani" non potevo quindi non parlare di S. - La Nave di Teseo , scritto da Doug Dorst e concepito da J.J. Abrams (se il suo nome non vi torna nuovo, è perché ha fatto un saaaacco di roba per cinema e tv, vi rimando alla sua pagina wiki qui).


Anche qui troviamo il formato della storia dentro una storia. L'opera è composta da un romanzo fittizio (come fittizio ne è l'autore) nel formato di un vecchio libro di biblioteca, con tanto di  timbri e firme a fondo volume. L'intero volume è ricoperto di note a margine scritte da due studenti universitari che comunicano passandosi il libro, nel tentativo di scoprire l'identità dell'autore e i segreti racchiusi nel romanzo. All'interno troviamo anche fotocopie, lettere, fotografie, stralci di giornali inseriti dai ragazzi. Piccolo consiglio personale:  state molto attenti quando aprite il libro e non fatelo cadere, ogni cosa è inserita in una pagina precisa per un motivo. Ma non preoccupatevi: il volume è contenuto in un box nero in cui riporlo appunto per arginare disastri del genere. 

Rossetto:  Liquid Suede di NYX Cosmetics in 'Brooklyn Thorn'

Che casino, vien da dire, e come posso riuscire a capirci qualcosa? Dubbi più che legittimi, sono venuti anche a me quando mi è stato regalato. Direi che ci sono due modi per approcciarcisi: leggere prima tutto il romanzo e successivamente tutti i "dialoghi" nelle note dei ragazzi, oppure andare di pagina in pagina seguendo i capoversi e tenersi in pari con entrambe le storyline. Ho scelto la seconda opzione e sì, nonostante in questo modo sembri che la lettura vada molto a rilento, si riesce meglio a capire tutte le connessioni.

La trama.
La Nave di Teseo è l'ultimo romanzo pubblicato da V.M. Straka, misterioso autore che è riuscito per tutta la sua vita a nascondere la sua identità, persino al confidente F.X.Caldeira che traduce i suoi scritti e ne scrive i pié di pagina. Il libro tratta la storia di un uomo colpito da amnesie che intraprende un viaggio alla (ri)scoperta di se stesso. Con scritte a mano, appunti e inserti, due studenti universitari tentano di svelare il mistero che avvolge la figura di Straka. Jen è una giovane che cerca di capire cosa fare della propria vita e dei suoi errori, Eric è stato espluso dall'università a causa di un professore che ha rubato e pubblicato le sue ricerche su Straka. I due ragazzi discuteranno e studieranno ogni particolare del libro e delle didascalie, finendo per svelare una realtà ben più pericolosa.


Questo libro è un'esperienza unica nel suo genere. E' stato definito un esperimento letterario e non posso fare a meno di aggiungere che è assolutamente riuscito. Se leggete il mio blog sapete che sono una persona che guarda spesso e volentieri al risparmio ma ritengo che se amate i libri questo potrebbe essere un gioiellino da avere in libreria. Chiaramente visto il formato ha un certo costo, a mio parere più che giustificato dal grande lavoro che c'è dietro (su Amazon al momento sta sui 30€, 9,99€ nel formato kindle ma onestamente questo è uno dei pochi casi in cui non ve lo consiglio).

Non lo consiglio se leggete solo per rilassarvi, magari alla sera nel letto. Star dietro alle due linee narrative stressa un sacco il cervello e vista la quantità di cose inserite nelle pagine, leggendolo a letto si rischia di far scivolare fuori tutto. E' un libro che chiede pazienza e attenzione. 



(qualche piccolo spoiler da qui avanti, niente di grave ma vi avviso)
Ho letto qualche recensione, soprattutto su Amazon, non positiva soprattutto riguardo la "banalità" della storia di Eric e Jen e sulle troppe complicazioni riguardo il mistero che nasconde l'identità di Straka, ritenuto troppo contorto e macchinoso. Onestamente non sono affatto d'accordo, anzi, ritengo che il fascino stia proprio in quello. D'altronde poi, da J.J. Abrams ha collaborato in Lost come possiamo pretendere qualcosa di semplice? Riguardo Eric e Jen, è sì abbastanza scontato che tra i due nasca qualcosa, ma mi è piaciuto moltissimo il loro comunicare a messaggi scritti su un libro abbandonato in luoghi strategici perché l'altro lo ritrovi, una chat priva dell'immediatezza a cui siamo abituati.

Se siete nostalgici dei vecchi libro-game o se siete feticisti dei libri, regalatevelo o mettetelo sulla prossima letterina a Babbo Natale (meglio ancora, nella wishlist di Amazon).

xo,
S.

Disclaimer: I prodotti visibili in questo post sono stati acquistati personalmente da me, non ho alcun contatto con le aziende produttrici; non è un product placement.

Commenti

  1. Sottoscrivo ogni virgola. Io l'ho letto nella tua stessa modalità e mi è pianto tantissimo. E poi è davvero bello, esteticamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? E' proprio una cosa bella da avere e sfogliare.

      Elimina
  2. Libri così sono fantastici: per questo motivo ho apprezzato i due volumi su Twin Peaks, che avevano questa impostazione (anche se gli oggetti erano direttamente fotografati). Questo è il genere che sogno di scrivere da tempo, sai?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti auguro di farcela perché sono una figata, ci vogliono molti più libri così :)

      Elimina
    2. Thanks :)
      Ti consiglierei Secret History of Twin Peaks (Le vite segrete di Twin Peaks, in Italia) ma presuppone la conoscenza delle stagioni anni '90 e del film del 1992!

      Moz-

      Elimina
    3. le prime stagioni le ho viste, il film mi manca ma conto di recuperarlo! Il libro l'avevo visto e mi intriga, lo prenderò dopo aver ri-visto le vecchie stagioni+film+stagone nuova in fila, di modo da fare collegamenti e quant'altro a mente fresca

      Elimina

  3. Dalle tue foto sembra un'opera d'arte! Poi se c'è lo zampino del buon JJ devo assolutamente procurarmi il volume!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me vale assolutamente ogni centesimo che costa :) te lo consiglio!

      Elimina
  4. Che cosa strana questa degli appunti e dei dialoghi in mezzo al libro dei due universitari. Credo di non aver mai letto nulla di simile. Ci fai scoprire sempre cose nuove ed interessanti, grazie.

    RispondiElimina

Posta un commento